POLITICHE GIOVANILI

Una possibile risposta al motivo dell’aumento della violenza fra i giovani sta nelle politiche giovanili: fino ad un decina di anni fa erano previsti interventi di prevenzione, progetti giovani, Centri di Aggregazione Giovanile e leggi ad hoc che li finanziavano. Sulla carta queste attività esistono anche oggi. Peccato che i finanziamenti siano drasticamente diminuiti passando da 130 milioni di euro nel 2007 a poco più di 5 milioni del 2015. Con conseguenti ricadute sugli interventi effettivamente realizzati.
Un interessante articolo di G.Campagnoli presentato l’anno scorso ad un convegno sui 20 anni di applicazione della legge 285/97 a Roma offre dati e riflessioni in merito.

per chi volesse approfondire

This entry was posted in Esperienze, Incontri, Letture, Notizie. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *