LE PRATICHE SOCIALI, OGGI – 7 – *

Disarticolare pacificamente l’ordine.
Non esiste l’ordine. Nella dialettica continua fra ordine e disordine, il primo è solo il punto di equilibrio stabilito da chi detiene il potere. L’ordine stabilito si regge sull’adesione passiva di chi non sa o non vuole contestarlo. Pacificamente (ogni violenza è reazionaria), l’ordine va disarticolato con azioni divergenti, con l’emersione delle contraddizioni, coi comportamenti eccentrici ma possibili, con la resistenza passiva e il rifiuto di ogni concessione e complicità. Ogni ricerca dell’ordine è una sottomissione all’esistente, e ogni pratica sociale che sia istituzionale e ordinata è destinata alla superfluità.

This entry was posted in Letture, Notizie. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *